Buona sera!

Siamo al mio terzo articolo!!!

Questa settimana non è stato facile trovare un tema. Ero un po’ in crisi, non sapevo bene di cosa parlare.

Poi l’idea è venuta da sola, in seguito a quello che mi è successo oggi pomeriggio: HO PERSO UN GIORNALE DI CUCITO che avevo comprato pochi giorni fa, e su cui avevo messo gli occhi perché c’era un lavoretto interessantissimo da realizzare.

Quindi avevo pianificato il pomeriggio di lavoro pensando a quel progetto, poi però mi sono accorta che mancava la cosa più importante per iniziare:Il giornale!!

Ho cercato e ricercato ma niente!! è triste ed antipatico perdere un giornale in casa,(si, si sa  la casa nasconde ma non ruba, però si diverte a nascondere questo è sicuro)ancora più triste è pensare che questo giornale possa essere finito per sbaglio nei giornali che mio marito usa per accendere il camino.

Insomma questo giornale scomparso ha snervato e bloccato la mia giornata, ma ha sbloccato l’idea per il mio articolo:

Quanto sono utili i giornali!!

Sicuramente possiamo fare una creazione da zero,senza alcun bisogno di giornali,pensiamo alle misure, facciamo il cartamodello,e tutto il resto. Ma è molto più difficile e complicato, e in più impiegheremmo molto tempo e forse con poca esperienza saremmo anche meno precise.

E poi se abbiamo visto una precisa creazione sul giornale e vogliamo replicarla esattamente cosi com’è,  il giornale è la giusta via da seguire.

Con i giornali infatti abbiamo praticamente il progetto già pronto, è una cosa più immediata che ti fa risparmiare molto tempo.

Secondo me comprare i giornali non è uno spreco di soldi, anzi ti aiutano a pianificare per bene il lavoro e li puoi seguire passo passo e poi ci sono veramente tante idee particolari da poter realizzare.

Di riviste ce ne sono tante ,tutte impostate diversamente: ci sono quelle dettagliate che si concentrano più sulle spiegazioni , altre un po’ meno, diciamo che ti lasciano il carta modello e poi te la vedi da sola; altre con tantissime idee e progetti ma spiegazioni brevi solo sui punti più difficili. Siamo noi a decidere quale preferiamo leggere e seguire.

Nella maggior parte di questi giornali sicuramente troviamo il cartamodello.

Il cartamodello è la rappresentazione su carta del lavoro ed è  il cuore centrale del progetto: senza cartamodello non si può lavorare in modo perfetto! io per esempio all’inizio per oggetti piccoli e stupidi evitavo di fare il cartamodello, ma poi quando finivo il lavoro, si vedevano tutte le imperfezioni come gli angoli storti, i lati più alti o i lati più corti, insomma tutte le misure abbastanza sbagliate, non precise!

Una cosa che ho imparato è che per cucire oltre che alla creatività ci vuole tanta PRECISIONE, e con il nostro carta modello possiamo essere precise, e sicure di come sarà il nostro lavoro una volta concluso.

In più quel carta modello lo possiamo sempre riutilizzare per ripetere il lavoro, ma magari variarlo poi in base alla stoffa che utilizziamo, i colori, la fantasia etc.

Dopo il cartamodello e le misure arriva la sezione delle spiegazioni, a volte in vari passaggi risultano più complicate da capire, magari ti soffermi su dei punti più e più volte; ma di solito c’è sempre una sezione dedicata agli accorgimenti che ti aiutano ad eseguire i punti più critici del progetto.

E infine c’è una sezione dedicata a tutti gli occorrenti: la quantità della stoffa, l’imbottitura (se serve), il filo e il materiale consigliato. Anche questa è molto utile perché già da subito,solo leggendo, ti fai un’ idea di quanto occorrente ti serve, quanto andrai a spendere e di che lavoro si tratta.

Ci sono tanti lavori che ho fatto interamente seguendo i giornali, questo è il mio preferito:

cartamodello
Cartamodello
rivista
il giornale
benvenutiabordo
il mio lavoro finito

Detto ciò penso che domani mattina andrò a ricomprare il giornale!

voi che ne pensate dei giornali?

Un saluto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *